cane da pastore del Caucaso

0 Commenti 11.set, 2013, 9:07

cane da pastore del caucaso

Il pastore del Caucaso è originario dei territori che si estendono dalla catena del Caucaso fino alle regioni delle steppe della Russia meridionale. L’evoluzione della razza non fu soltanto il risultato di una selezione naturale ma venne anche influenzata dai popoli che abitarono la regione. Storicamente i cani da pastore del Caucaso venivano usati per la guardia e per tenere al sicuro le mandrie, le greggi e le abitazioni proteggendole dai selvaggi e dai predatori.

Carattere e caratteristiche del Pastore del Caucaso

La prima citazione di un grosso molossoide proveniente da questa regione, usato anche dall’esercito dello zar, risale a molti secoli fa. Le caratteristiche e le qualità di selezione per questo splendido cane sono sempre state la potenza fisica, la fiducia in se stessi, la mancanza di paura, l’udito finissimo, la buona vista, nonché un fitto mantello impermeabile per proteggerlo dalle intemperie di ogni tipo e potenza. L’insieme di tutto questo fece del Pastore del Caucaso un ottimo compagno per chi viveva in zone che versavano in condizioni climatiche inclementi. La razza fu riconosciuta nel 1952 dagli organi cinofili dell’allora Unione Sovietica. Il cane da pastore del Caucaso non è per tutti: è un cane che richiede un padrone competente. E’ forte, equilibrato, calmo, cosciente della propria forza. Legato alla famiglia, comunicativo con chi gli serve al fianco ma riservato nei confronti di chi non conosce. Con i bambini è un buon compagno di giochi; tuttavia, considerata la sua mole, è bene che ci sia sempre la presenza di un adulto. Disponibilità e ubbidienza sono concesse solo a chi reputa un leader. Capire il carattere che, in tali condizioni, si è formato è fondamentale per evitare errori e problemi con un cane splendido ma che esige che il padrone lo sappia trattare nel modo giusto. Considerata la sua forza e la sua decisione, non è adatto a tutti. Se non siamo più che esperti dovremmo consultare un addestratore qualificato che conosce bene la razza anche perché i comportamenti e i tempi di reazione sono particolari. Dobbiamo tenere in considerazione il suo carattere dominante che può portarlo a scontri con altri cani. Se vogliamo questo compagno, quindi, dovremmo prepararci a essere il suo capobranco e a gestire un cane forte in cui la diffidenza verso gli estranei e la reattività sono tipiche. Per chi intendesse avere un Pastore del Caucaso non bisogna cadere nella trappola della curiosità e dell’esclusività del cane raro.

Come educarlo

Per essere un buon padrone per un cane di questa razza, bisogna avere a disposizione molto tempo libero da passare con lui in modo da garantirgli l’esercizio fisico necessario. Inoltre, occorre pazienza e coerenza per educarlo al meglio. Non bisogna permettere al cane in fase di sviluppo di crescere senza una guida: le esperienze vissute nel primo anno di vita sono fondamentali perché questi cani hanno una memoria particolarmente sviluppata. Fin da quando sono cuccioli, quindi, si dovrà far capire al cane chi è il capobranco e questo potrà esser fatto sono se saremo in grado di imporre la nostra personalità con autorevolezza e intelligenza.

0 Commenti

Nessun commento!

Abbiamo ricevuto il tuo messaggio e risponderemo il prima possibile! Scrivi un nuovo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono marcati *